“DIFETTI” STRUTTURALI

28 gennaio 2021

Come deve essere il collo del cavallo? Quanto inclinata deve essere la spalla e perché e cosa comporta una schiena più o meno lunga?
<br>
Queste sono alcune delle domande a cui ho risposto nel nuovo DIARIO EQUESTRE che contiene un sacco di extra 🙌🏼
<br>
Qui vediamo alcuni esempi:
1) un collo ben formato e con spalla dalla giusta inclinazione (SOPRA) - un collo con curvatura contraria, più corto e con spalla troppo inclinata (SOTTO).
<br>
2) passaggio dalla ganascia al collo (inferiore) ideale con sufficiente spazio / il collo ha lo spessore giusto e la nuca è “leggera” (SX) - nessuno spazio tra ganascia e collo / il collo è un po’ tozzo e pesante anche a livello della nuca (DX)
<br>
3) l’immagine riprende il primo esempio con l’aggiunta della linea superiore che da una parte è ideale e armonica e dall’altra molto meno. Nel secondo caso il garrese cade nella schiena in modo meno graduale e la schiena è più infossata, mentre la groppa scende a picco e influenza l’inclinazione delle articolazioni posteriori.
<br>
Prossimamente approfondiremo il discorso, un po’ per volta. È importante allenare l’occhio e comprendere come la conformazione può influenzare i movimenti e la qualità del lavoro, ma è importante anche non sottovalutare l’aspetto carattere/indole.
<br>
Molti cavalli compensano certi “deficit” con il loro spirito positivo, partecipe e competitivo...
<br>
Alcuni si possono compensare bene con il lavoro e altri sono semplici fattori estetici, mentre certi possono rendere le cose davvero difficili.
<br>
Non bisogna diventare “ricercatori di difetti”, ma è bene saper riconoscere le qualità importanti in un cavallo.
<br>
Il cavallo non va scelto in base al colore 🙃 e nemmeno in base alla razza o alla genealogia. C’è molto altro da sapere...
<br>
Ultima cosa: non tutte le qualità si riescono a prevedere in anticipo... alcune vengono fuori con il tempo, con l’addestramento e con lo sviluppo del carattere...



Lascia un commento

I commenti dovranno essere approvati prima di essere resi visibili.