LA DIAGONALE DEL TROTTO

26 agosto 2021

Una delle cose con cui ci si confronta fin dalle prime lezioni in sella è “la diagonale del trotto”.

Al trotto leggero il cavaliere si alza a ritmo del trotto, seguendo il movimento del cavallo. Il cavaliere deve fare attenzione a farsi “trasportare” da questo movimento, senza prendere iniziativa da solo o fare movimenti che vanno oltre il necessario.

Ogni forzatura del movimento porta il cavaliere fuori ritmo.

Il trotto leggero serve per rendere le cose più facili a cavallo e cavaliere. Il cavaliere non sta seduto “nella” schiena del cavallo e quest’ultimo può muoversi più liberamente.

Il trotto seduto va bene sia per la fase di riscaldamento, che per puledri che non hanno ancora sufficiente muscolatura per sopportare il peso del cavaliere per troppo tempo.

Al trotto leggero è più facile raggiungere e mantenere la decontrazione e la tensione superiore positiva che porta il cavallo a stare negli aiuti del cavaliere (vedi post nel Blog).

Anche se si devono fare lunghe tratte (in passeggiata per eesempio), il trotto leggero è preferibile, dato che cavallo e cavaliere si stancano molto meno.

I cavalieri inizialmente possono trovare difficile trovare il giusto ritmo e seguire in modo corretto il cavallo, ma una volta imparato, il trotto leggero è molto più semplice e meno stancante, appunto, del trotto seduto.

Arriviamo al punto “diagonale”.

Perché (in campo) bisogna alzarsi in un momento preciso, ossia quando la spalla esterna avanza?

Se avanza la spalla esterna, significa che avanza anche il rispettivo anteriore e il posteriore opposto.

Il trotto è un movimento saltato a due tempi, dove si alternano le due diagonali (anteriore sinistro/posteriore destro e poi il contrario). In mezzo abbiamo dei momenti di sospensione in cui nessun arto tocca a terra.

Ci si alza quando l’anteriore esterno avanza, ma in realtà sarebbe più giusto dire che ci si alza quando il posteriore interno avanza, perché è lui il protagonista e il responsabile per la regola del “giusto diagonale”.

Si prende l’anteriore come riferimento perché il posteriore non lo vediamo, ma ecco il motivo per cui questo è il momento per alzarsi:

Alzandoci lasciamo libera la schiena e il cavallo riesce a portare più sotto e in avanti il posteriore interno che deve portare più peso, dal momento che si trova all’interno delle girate.

Questo fa sì che il cavallo sia più in equilibrio (se le flessioni sono corrette - anteriore della nuca e longitudinale). Il cavallo in questo modo evita di cadere sulle spalle e fa meno fatica.

In realtà non è veramente “sbagliato” trottare “al contrario”, ma è più impegnativo per il cavallo e il cavaliere deve sapere che cosa sta facendo.

Se si sceglie di trottare sul diagonale interno (sbagliato) è bene farlo su entrambe le mani per allenare il cavallo sempre in modo bilanciato.

Trottare sul diagonale sbagliato aiuta, per esempio, ad attivare maggiormente il posteriore esterno.

Su linee molto ampie la differenza è poca, ma se si stringono le girate tutto diventa più difficile.

Si nota che il cavallo perde il suo equilibrio quando il ritmo diventa irregolare, quando fatica a procedere dritto ed inizia a barcollare e quando diventa pesante in mano. Allora è il caso di fare un passetto indietro!

L’equilibrio e la fluidità delle andature di base hanno sempre la priorità su tutto. Il cavaliere deve fare attenzione ad avere un assetto sciolto e allo stesso tempo “sotto controllo” (tensione positiva centrale).

La persona non deve mai disturbare con la propria presenza e questo può succedere solo se il movimento è al 100% in armonia con quello del cavallo, in base alle sue necessità e al suo grado di addestramento.

Per cambiare diagonale del trotto basta stare seduti una battuta in più rispetto al solito. Per farla semplice, se di solito si procede in questo modo: sollevati, seduti, sollevati - nel momento del cambio di diagonale per una volta si procederà così: sollevati, seduti-seduti, solevati e poi si riprende il solito “su e giù”.

Ad ogni cambio di mano si cambia diagonale del trotto.

Il momento in cui possiamo influenzare il cavallo con il nostro aiuto in avanti (gamba/peso) è quando stiamo seduti. L’azione della gamba per “attivare” il posteriore interno (o esterno) avviene quindi un momento prima rispetto a quando il posteriore viene effettivamente portato sotto e in avanti (momento in cui noi siamo fuori dalla sella e non abbiamo modo di influenzare il cavallo con la gamba o con il peso).

Spero di aver chiarito qualche dubbio in merito al trotto leggero 😊

Per sapere di più sull’assetto, sugli aiuti e su come le due cose sono strettamente collegate tra loro, il 25 Settembre ci sarà uno stage a Bairo (Piemonte) proprio su questo (vedi homepage).

Se invece vuoi sapere tutto su ogni aspetto dell’equitazione dalla A alla Z, passando da aiuti e assetto a figure ed esercizi in piano e sui salti per arrivare poi al lavoro da terra e alla longia (e molto altro) ti invito a prendere in considerazione il nuovo CORSO COMPLETO DI EQUITAZIONE.

Questo mezzo è diverso da ogni manuale e unico nel suo genere perché in continua evoluzione. Il corso è per chi vuole prendere in mano la situazione e fare luce su tutto quello che per adesso è poco chiaro o che ostacola una scoperta del proprio potenziale (tuo e del tuo cavallo). Una scuola per la vita che resta per sempre a tua disposizione. Un supporto reale ❤️

Il corso è più di uno stage ed è molto più di un paio di libri. Il suo valore è ben più del suo prezzo, ma ora c’è la possibilità di pagarlo a rate, in modo che tutti abbiano la posssibilità di avere una formazione seria, che può andare pari passo con la pratica di tutti i giorni in maneggio ed è gestibile in totale autonomia in base alle proprie possibilità o esigenze.

 

Per saperne di più clicca QUI o accedi alle DEMO gratuita.

 

Un abbraccio 😘

 

Daniela





Lascia un commento

I commenti dovranno essere approvati prima di essere resi visibili.