MANTENERE E SVILUPPARE LA MUSCOLATURA (soprattutto di cavalli anziani)

04 Settembre 2019 2 Commenti

Uno degli argomenti più interessanti è come costruire e mantenere la massa muscolare del cavallo. Quali esercizi aiutano a costruire la muscolatura del cavallo e quanto lavoro dovrebbe essere fatto in allenamento? Queste sono le domande principali.

Ne ho parlato anche nei miei libri e lo dico continuamente: Lo sviluppo fisico e mentale completo e armonico è l’obiettivo principale dell’addestramento e da personal trainer (per umani) so che cosa significa essere “pronti” o meno per gli sforzi a cui si viene sottoposti… in questo caso i cavalli.

Soprattutto con i cavalli meno giovani diventa difficile mantenere la muscolatura, ma è possibile. 
A dirittura può essere migliorata.

Un membro della nostra community (Accademia Equestre Online ACS) ha recentemente chiesto come strutturare il lavoro con un cavallo anziano.

Ecco le regole di base:

1. E’ importante avere un programma di allenamento ben strutturato che abbia come fine il rafforzamento dei posteriori e della schiena;
2. Uno degli obiettivi è quello di sviluppare forza e resistenza;
3. È fondamentale che il lavoro sia completo e diversificato il più possibile. Il lavoro in piano (serio e fatto come si deve) va alternato con il lavoro con barriere e cavalletti e con uscite in campagna;
4. Il lavoro in piano può essere fatto da momenti di apertura e chiusura dell’andatura (allungamenti alternati a riunioni), così come da chiusure ed aperture del circolo e7o lavoro su due piste;
5. Tutto ciò che richiede un impegno vero da parte del cavallo, ossia quando viene messo sotto sforzo, aiuta a sviluppare la muscolatura. Quest’ultima si sviluppa solo sotto sforzo. Chiaramente bisogna stare attenti a dosare la durata delle sessioni di lavoro (in base a ciò che il cavallo è abituato a fare) e ci vogliono diverse pause di passo a redini lunghe tra una richiesta e l’altra;
6. Transizioni trotto-galoppo e salite e discese in campagna, mantenendo il pieno controllo dell’andatura, sono molto utili. Un terreno collinoso si adatta particolarmente;
7. Un’altro lavoro da fare sono le sequenze di piccoli ostacoli e/o cavalletti.

Insomma, non c’è nulla che un cavallo anziano non possa fare. Soprattutto se ha sempre lavorato. Chiaramente se non è solo anziano, ma anche fermo da molto tempo, non dico che bisogna ricominciare il lavoro di addestramento da capo, ma quasi. In più, spesso e volentieri, questi cavalli non hanno mai avuto un addestramento completo e veramente corretto. Questo porta a non pochi problemi.

Se esistono degli scompensi dovuti ad un lavoro fatto male la situazione diventa particolarmente difficile. Un conto è lavorare con qualcuno che non hai mai lavorato, un altro conto è doverlo fare con chi ha lavorato male fino a lì.

Il problema non è l’anzianità. Ho visto cavalli molto anziani con alle spalle diverse competizioni internazionali (fino ad olimpiadi in completo) arrivare a 25 anni con l’aspetto di un puledro. Movimenti sciolti, schiena perfetta. Tutto grazie ad un lavoro meticoloso e fatto bene durato una vita.

Non pensiate che l’addestramento vada dai 3 agli 8 anni e che raggiunta la “maggiore età” il cavallo sia “apposto”. L’addestramento non è una “scuola professionale”, ma un percorso di allenamento progressivo che dura per sempre.

Quindi, se avete cavalli giovani siete in tempo per costruire una buona base e per non avere problemi (o meno) in futuro. Se invece vi trovato con cavalli meno fortunati, andateci piano, fate quel che potete e non mollate perché anche in quei casi ho visto “miracoli” accadere!

Ho visto cavalli che a prima vista sembravano “spacciati”, storti, rigidi, svogliati… tirare fuori un carattere che per anni era stato soppresso. Iniziare a muoversi bene, a sciogliersi. Da lì poi tornava la voglia di fare e in men che meno sembravano altri cavalli. Quasi irriconoscibili!

Quindi… non è mai tardi per cominciare a lavorare bene.

Il segreto sta nelle “dosi” e nel beccare il momento giusto per ogni cosa…


Libro inerente all’argomento: “La scala di addestramento - La chiave dell’equitazione”
Instagram: acs_blogequestre (con diversi video)

Se fate parte della Community FB tra pochi giorni ci sarà la prima lezione online (interattiva) e sto rispondendo al primo QUIZ che vi avevo proposto sul sito (quello senza le risposte…hehe… era voluto!!).

Un abbraccio e buona serata a tutti,
Daniela

PS: IL CAVALLO IN FOTO E' ABRAXXAS (DI INGRID KLIMKE) E HA FATTO BEN 3 OLIMPIADI DI COMPLETO (VINCENDONE DUE IN SQUADRA)- ORA HA OLTRE 20 ANNI E FA ANCORA PICCOLE GARE CON LA FIGLIA DI INGRID. PER DIRE... 🐴

#equitazioneperamore





2 Risposte

BEATRICE
BEATRICE

23 Novembre 2019

Io ho un cavallo di 19 anni(quindi non giovane) lui da giovane lavorava pochissimo…quindi quando ho dovuto riniziare il lavoro da capo,ora dopo 10 mesi è tornato a saltare e lavorare in piano

Ursula
Ursula

07 Novembre 2019

Ci ha confermato quello che abbiamo sempre pensato che il cavallo anziano può continuare a fare esercizi e che si può continuare a lavorarlo noi abbiamo un frenches montagna cavallo da lavoro che da guando lo abbiamo noi 8 anni lei ha 27 anni e ora lavora da terra e viene Cavalcato 3 volte alla settimana ma appunto vorremmo rinforzare i muscoli alla schiena ha dei consigli da darci. Grazie e a presto

Lascia un commento

I commenti dovranno essere approvati prima di essere resi visibili.